Carrello 0
Cop 4_2017_cartaceo

Civiltà del bere 2017/4 EDIZIONE CARTACEA

Edizione cartacea di Civiltà del bere luglio-agosto 2017.
Monografia: “Rosa, Rosati e Rosé”

Rosae, rosarum, rosis. Le rose, dei rosati, dedicato ai rosé. Perché nonostante il suono delle campane a festa, che da qualche anno ne glorifica il successo, questa tipologia di vini è ancora nell’età dello sviluppo, più che oggetto di uno stabile, maturo successo planetario.

Attenzione: prodotto disponibile da settembre!

Per acquistare l’edizione digitale clicca qui

14,00

Product ID: 2772 Category: .

Attenzione: prodotto disponibile da settembre!

 

Rosae, rosarum, rosis. Le rose, dei rosati, dedicato ai rosé.

Perché nonostante il suono delle campane a festa, che da qualche anno ne glorifica il successo, questa tipologia di vini è ancora nell’età dello sviluppo, più che oggetto di uno stabile, maturo successo planetario.

Uno dei segnali di questa esuberante, ma instabile crescita adolescenziale è la corsa imitativa alla star del momento, al modello di maggior successo, cioè la Provenza. Pur essendo un ottimo vino, troppi ne richiamano il colore, ne cercano i profumi, ne vagheggiano la leggerezza ammantata di brezze marine. Invece il rosato è una tipologia affascinante, perché variegata e complessa. Che sia tradizionale (come il nostro Cerasuolo d’Abruzzo) o frutto della modernità (come il White Zin californiano) il rosé è figlio di uve, tecniche di vinificazione, occasioni di consumo diverse. E soprattutto, offre una palette incredibile di colori, dal salmone pallido alla ciliegia brillante.

Il suggerimento è di conoscerli, capirli e infine amarli, perché talvolta un rosato è la scelta giusta, non il solito compromesso degli indecisi.

SOMMARIO Civiltà del bere luglio agosto 2017/4

Editoriale. L’insostenibile leggerezza della sostenibilità

Monografia. Rosati

  • I numeri dal mondo
  • In cantina, tecniche perché sia perfetto
  • I terroir adatti in Italia
  • In Francia è questione di stile
  • Le storie della Penisola iberica
  • Fare qualità nel Nuovo Mondo

L’italiano

  • Autoctoni da riscoprire in Valle d’Aosta
  • Grandi interviste: Ettore Nicoletto
  • La casa del Müller Thurgau è in Valle di Cembra
  • La varietà pedoclimatica dell’Alto Adige

VinoVip Cortina

  • VinoVip Cortina 11th Edition
  • Tre Masterclass da cui germogliano idee
  • Giovani Sognatori e paladini delle Piccole Patrie
  • La Notte delle Stelle con BBQ ad alta quota
  • A tu per tu con Riccardo Cotarella e 19 Cantine simbolo
  • Gran finale al Faloria con il Wine-tasting delle Aquile

Senza confini

  • Il micro-vigneto della Polonia

Scienze

  • Il tappo di sughero non ha più segreti
  • Ruolo e futuro dei portainnesti

Business

  • Vinexpo e Bordeaux 2016 en primeur
  • Export, le speranze del 2017

Food e l’altro bere

  • La birra in Trentino-Alto Adige
  • Cocktail a tavola: Gulash e Margarita?
  • Antica Liquoreria Luxardo
  • Trend della pasticceria d’autore
  • Contemporary Paris, il bistrot si trasforma
  • Il ghiottone errante: scorfano

Rubriche

  • Luoghi (non) comuni. La leva del prezzo? Meglio non usarla mai (Cesare Pillon)
  • Controvento. Per 15 punti (%) Martin perse la cappa (Luciano Ferraro)
  • La eno-gioventù. Alessandro Job e Gabriele Righetti (Jessica Bordoni)
  • Civiltà del web. 2012-2017. Cosa resta delle profezie di 5 anni fa (Stefano Tesi)
  • Tasting Notes. I nostri 24 migliori assaggi